056. Buon Natale 2010 e Felice Anno Nuovo 2011


Il Centro Studi Cinesi dell'Università Urbaniana
augura a tutti Voi
Buon Natale 2010 e Felice Anno Nuovo 2011

17 dicembre 2010

055. Benvenuto a Marcos de Araújo Silva

Il Centro Studi Cinesi dell’Università Urbaniana porge il suo più cordiale benvenuto a MARCOS DE ARAÚJO SILVA, dottorando in antropologia dell’Università Federale di Pernambuco, Brasile.

Marcos sarà affiliato al nostro Centro Studi Cinesi da novembre 2010 ad aprile 2011 e svolgerà attività di ricerca in Italia sul tema “Migrazione cinese e i dilemmi dell’integrazione e della diversità culturale nella Comunità Europea. Il caso italiano (Roma)”. Il suo lavoro di campo si soffermerà in modo particolare su "salute, religiosità ed educazione nella comunità cinese di Roma" che accosterà ai dati già raccolti sulla comunità cinese di Recife (Brasile).



Auguriamo a Marcos un proficuo lavoro e una felice permanenza in Italia sicuri che la sua presenza nel nostro Centro e nella nostra Università sarà di grande ispirazione su temi così importanti ed attuali.

27 novembre 2010

054. Foto proiezione docufilm M. Ricci

Pubblichiamo qualche foto della proiezione del docufilm "Matteo Ricci: un gesuita nel regno del drago" del Maestro Gjon Kolndrekaj avvenuta il 22 novembre 2010 all'Università Urbaniana. Desideriamo ringraziare il regista che ci ha onorato della sua presenza e tutti coloro che hanno partecipato alla proiezione e al dibattito.


Maestro Gjon Kolndrekaj



23 novembre 2010

053. Avviso corso cinese

Avviso importante agli studenti del corso di cinese

Siccome il numero degli studenti iscritti al corso di cinese è aumentato considerevolmente, le lezioni si terranno nell’aula XXVIII dell’edificio della Facoltà di Missiologia, ogni martedì dalle 16 alle 18.

Gli studenti che hanno ordinato il libro di testo possono ritirarlo presso il Centro Studi Cinesi nella giornata di lunedì 15 o martedì mattina 16 novembre.

13 novembre 2010

052. Docufilm su Matteo Ricci

L’Università Urbaniana
La Facoltà di Missiologia
Il Centro Studi Cinesi
Il Laboratorio Culturale “Cinema e Missione”, ISCSM
L’Associazione Omnes Gentes
e
L’Agenzia di Informazione H2onews

Vi invitano alla proiezione del docufilm

 
Con la partecipazione straordinaria del regista
GJON KOLNDREKAJ

Lunedì 22 novembre 2010 ore 15
Auditorium Giovanni Paolo II

Introduzione
Prof. Alessandro Dell’Orto
Direttore del Centro Studi Cinesi Università Urbaniana

Intervento del regista
Maestro Gjon Kolndrekaj

Proiezione del docufilm
Matteo Ricci
Un Gesuita nel Regno del Drago

Dibattito e conclusioni
Prof.ssa Tiziana Longhitano
Laboratorio Culturale "Cinema e Missione", ISCSM, Università Urbaniana
Sig. Anup Antonio Gonsalves
Producer, H2onews

SCARICA LOCANDINA

Centro Studi Cinesi Università Urbaniana
Via Urbano VIII, 16 - 00165 Roma
Tel. 06-69883173 – Email: hanxue@urbaniana.edu – Blog: http://hanxueurbaniana.blogspot.com

8 novembre 2010

051. Corso lingua cinese

Corso di introduzione alla lingua cinese

Il Centro Studi Cinesi offre un corso di introduzione alla lingua cinese per principianti indirizzato particolarmente ai professori, studenti e dipendenti dell’Università Urbaniana.

Il corso, che avrà inizio il 9 novembre 2010 e terminerà il 31 maggio 2011 (ad eccezione del mese di febbraio 2011), si terrà ogni martedì, dalle ore 16 alle ore 18, nella sede del Centro Studi Cinesi.

Docente del corso è il Prof. Giuseppe Zhao Hongtao, collaboratore del Centro è già cultore della lingua cinese presso la “Sapienza” Università di Roma.

Coloro che desiderano partecipare al corso sono pregati di contattare al più presto la direzione del Centro al numero 06-69883173 o via email all’indirizzo: hanxue@urbaniana.edu

Per questo anno accademico, il corso è offerto gratuitamente.

30 ottobre 2010

050. Tirocinanti Università Sapienza


Il 5 ottobre 2010, il Prof. Dell’Orto e il Dott. Zhao, collaboratore del Centro Studi Cinesi, hanno dato il benvenuto alle prime due tirocinanti di lingua e letteratura cinese dell’Università La Sapienza di Roma, le Signorine Federica Agnese e Adriana Matteo il cui tirocinio si svolgerà per tutto il primo semestre, fino al 31 gennaio 2011. Accompagnate dal loro tutor universitario, la Prof.ssa Elisabetta Corsi, Federica e Adriana hanno preso visione di alcuni lavori che esse svolgeranno nei prossimi mesi nel nostro Centro (si veda la sezione Tirocini).


Mentre ringraziamo Federica e Adriana per aver scelto il nostro Centro come sede del loro tirocinio, auguriamo loro un proficuo e creativo lavoro.

18 ottobre 2010

049. Visita Prof. Ku Min

Nel mese di settembre, il Prof. Dell’Orto si è incontrato con il Prof. Ku Min, Direttore Generale della Biblioteca Nazionale Centrale (Taiwan) e Direttore del Centro di Studi Cinesi di Taipei.

All’incontro, al quale hanno partecipato il Signor Larry Yu-yuan Wang, Ambasciatore della Repubblica Cina (Taiwan) presso la S. Sede, accompagnato dal primo segretario il Signor Paolo Bao-neng Li, sono state discusse alcuni possibili progetti di cooperazione tra il nostro Centro, la Biblioteca Nazionale Centrale di Taiwan e il Centro di Studi Cinesi di Taipei.
18 ottobre 2010

048. Progetto Archivio

Siamo lieti di presentare il documento finale di un progetto di collaborazione tra il nostro Centro di Studi Cinesi e il Dipartimento di Sinologia dell’Università Cattolica di Leuven (Belgio), progetto che ha l’obiettivo di pubblicare un catalogo bibliografico dei documenti cinesi presenti nell’Archivio Storico ‘de Propaganda Fide’ a Roma tra il 1622 e il 1830.


Catalogue of Chinese Documents
included in the Archivio Storico 'de Propaganda Fide'
(1622-1830)

A collaborative project between
the Urbaniana University Centre for Chinese Studies (Rome, Italy) and
Sinology K.U. Leuven (Leuven University, Belgium)

Co-directors of the project
Prof. Alessandro Dell'Orto, Director, Urbaniana University Centre for Chinese Studies
Prof. Nicolas Standaert, Professor, Sinology, K.U.Leuven

Context
The Archivio Storico 'de Propaganda Fide' contains a rich collection of documents related to Christianity in China in the seventeenth and eighteenth centuries, including a significant number of Chinese documents. Given the recent interest in Chinese Christianity, and the fact that a number of the Chinese texts in the Archivio Storico are unique texts, there is a need for a catalogue of these documents to be used by the academic community.

Purpose
The purpose of this joint project is to establish and publish a catalogue of the Chinese documents related to Christianity in China (1622-1830), so as to preserve this cultural heritage better and make it known to the scholarly world. In a next phase one can consider to reprint some of the documents in the catalogue.

Implementation
K.U. Leuven will sent Dr. Ad Dudink to Rome for a period of three months (15th January 2011 – 15th April 2011) for preparing a scientific catalogue of the collection. Dr. Dudink is an experienced bibliographer, who has already compiled several catalogues of collections concerning books related to the Cultural Exchange between China and Europe in the Late Ming and Early Qing Period (see Documentation). The added value is that the collection of Archivio Storico 'de Propaganda Fide' can immediately be compared and related to other similarly important collections in the world: Paris (BnF), Rome (ARSI, BVE, Vat), St. Petersburg, etc. as included in the Christian Chinese Texts (CCT) bibliographical database of Sinology K.U. Leuven.

Output of the project and date for publication
Estimated date for publication in the form of a catalogue: December 2012

Scientific committee
Elisabetta CORSI, Professor, La Sapienza, Roma
Luis M. CUÑA RAMOS, Archivist, Archivio Storico 'de Propaganda Fide'
Francesco D’ARELLI, Director, Library of Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (IsIAO)
Alessandro DELL'ORTO, Director, Urbaniana University Centre for Chinese Studies
Eugenio MENEGON, Associate Professor, Boston University
Nicolas STANDAERT, Professor, Sinology K.U. Leuven
Alberto TREVISIOL, Professor, Urbaniana University
ZHAO Hongtao, Collaborator, Urbaniana University Centre for Chinese Studies

Documentation
Series of primary sources published by Nicolas Standaert and Ad Dudink:

N. Standaert, A. Dudink, Y.L. Huang 黃一農 and P.Y. Chu 祝平一, Xujiahui cangshulou Ming Qing tianzhujiao wenxian 徐家匯藏書樓明清了主教文獻 (Chinese Christian Texts from the Zikawei Library), Taibei: Fu Jen Catholic Univ. Press, 1996, 5 vols., 2621 pp., ISBN 957-98886-0-4.

N. Standaert and A. Dudink, eds., Yesuhui Luoma dang'anguan Ming Qing tianzhujiao wenxian 耶穌會羅馬檔案館明清天主教文獻 (Chinese Christian Texts from the Roman Archives of the Society of Jesus), Taibei: Ricci Institute, 2002, 12 vols., 6786 pp. ISBN957-9390-16-9.

N. Standaert, A. Dudink 杜鼎克 and Nathalie Monnet 蒙曦), Faguo guojia tushuguan MingQing tianzhujiao wenxian 法國國家圖書館明清天主教文獻 Chinese Christian Texts from the National Library of France Textes chrétiens chinois de la Bibliothèque nationale de France, Taibei: Ricci Institute, 2009, 26 vols.; 15.816 p. ISBN 978-957-29848-3-3

Bibliographical publications by Ad Dudink:

"The Zikawei Collection in the Jesuit Theologate Library at Fujen University (Taiwan): Background and Draft Catalogue ", Sino-Western Cultural Relations Journal 18 (1996), pp. 1-40.

"The Japonica-Sinica collections I-IV in the Roman Archives of the Society of Jesus: An Overview", Monumenta Serica 50 (2002), pp. 481-536.

(collaborator to and compiler of index of) Chan, Albert, S.J., Chinese Books and Documents in the Jesuit Archives in Rome, A Descriptive Catalogue: Japonica-Sinica I-IV, New York: M.E. Sharpe, 2002, 623 pp.

"The Chinese Christian Books of the Former Beitang Library", Sino-Western Cultural Relations Journal XXVI (2004), pp. 46-59.

Dudink, Ad, Chinese Books and Documents (pre-1900) in the Royal Library of Belgium at Brussels (Archief- en bibliotheekwezen in België: Inventarissen 12), Brussel: Archief- en bibliotheekwezen in België, 2006, 166 pp.

Rome, 20th July 2010
Alessandro Dell’Orto and  Nicolas Standaert

6 settembre 2010

047. Convenzione tirocini


Il 19 luglio 2010, l’Università di Roma “La Sapienza” (Facoltà di Lettere e Filosofia) e la Pontificia Università Urbaniana (Centro Studi Cinesi) hanno siglato una convenzione per lo svolgimento di tirocini di formazione ed orientamento per gli studenti e studentesse di cinese della Facoltà di Lettere e Filosofia da svolgersi presso il nostro Centro Studi Cinesi.

La convenzione, che è stata firmata dal Prof. Franco Piperno, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, e dal Prof. Cataldo Zuccaro, Rettore della Pontificia Università Urbaniana, decorre dal 1 settembre 2010, ha la durata di un anno e viene rinnovata tacitamente di anno in anno, salvo disdetta da comunicarsi da una delle due parti entro tre mesi dalla scadenza.

I tutori del tirocinio sono la Prof.ssa Elisabetta Corsi, Ordinario di Lingua e Letteratura Cinese della Facoltà di Lettere e Filosofia, e il Prof. Alessandro Dell’Orto, Direttore del Centro Studi Cinesi.

Il tirocinio è rivolto agli studenti e alle studentesse di cinese della Facoltà di Lettere e Filosofia, senza distinzione di razza, fede, nazionalità e genere. Requisiti indispensabili sono:

- Una buona conoscenza della lingua cinese, parlata e scritta;
- Una buona conoscenza della lingua inglese;
- Esperienza nell’uso dei pacchetti informatici, compresi quelli in lingua cinese.

Il tirocinio ha durata semestrale ed è aperto a due tirocinanti per ogni periodo. All’inizio di ogni semestre, sul sito di Facoltà di Lettere e Filosofia, verrà pubblicato il relativo bando.

Il tirocinante dovrà svolgere, sotto la guida dei tutori, le seguenti mansioni:

- partecipare alle attività del Centro Studi Cinesi e contribuire all’organizzazione delle stesse, secondo le indicazioni dei tutori;
- contribuire alla gestione ed arricchimento delle banche dati in cinese e in inglese del Centro;
- contribuire all’arricchimento dei fondi librari in cinese del Centro;
- contribuire all’inventario dei testi in cinese della Biblioteca della Pontificia Università Urbaniana sotto la direzione dei tutori;
- redigere testi, corrispondenza, note-stampa in cinese, inglese e italiano.

4 settembre 2010

046. Taiwan Scholarship


L’Università Urbaniana e il Centro Studi Cinesi ringraziano l’Ambasciata della Repubblica di Cina (Taiwan) presso la Santa Sede per l’offerta di una borsa di studio del Ministero degli Affari Esteri dell’isola. La borsa di studio, del periodo di due anni (1 settembre 2010 – 31 agosto 2012), è stata assegnata alla Sig.na Maura Sermoneta che da gennaio 2009 ha partecipato e contribuito alle attività del Centro Studi Cinesi.  Laureata in Teorie e Pratiche dell’Antropologia all’Università di Roma “La Sapienza” nel dicembre 2008, la Sig.na Maura studierà cinese all’Università Fujen di Taipei con la quale la nostra Università ha siglato un accordo di cooperazione.
14 luglio 2010

045. Tesi dottorale di Zhao Hongtao


Il 24 maggio 2010, Giuseppe Zhao Hongtao, collaboratore del Centro Studi Cinesi dell’Università Urbaniana, ha brillantemente difeso la sua tesi dottorale dal titolo: “L´opera pastorale dei missionari gesuiti al tempo di Matteo Ricci nella storiografia cinese contemporanea”. Mentre porgiamo le nostre più sincere felicitazioni a Giuseppe per il raggiungimento di questo importante traguardo, desideriamo condividere con i nostri lettori il sommario della sua tesi.

Sommario della tesi dottorale di Giuseppe Zhao Hongtao

Sin dagli inizi degli anni ottanta del XX secolo, le ricerche condotte nei circoli accademici cinesi sul Cattolicesimo in Cina e sulle attività della Compagnia di Gesù in epoca Ming e Qing sono state innumerevoli e, molte di esse, di notevole valore storiografico. L’abbondante letteratura prodotta mostra un interesse crescente verso tali ricerche da parte degli studiosi cinesi, ricerche che sono diventate argomento di dibattito nel mondo accademico internazionale.

La storiografia cinese contemporanea sopra menzionata costituisce, quindi, la base sulla quale la presente tesi nasce, sviluppando un tema, quello dell’opera pastorale dei missionari gesuiti al tempo di Matteo Ricci, poco trattato dagli studiosi della Compagnia di Gesù ma che è fondamentale per la comprensione della presenza e delle attività di questi missionari in terra cinese. Composta di quattro capitoli, la tesi è stata presentata in cinese ed è il frutto di lunghi anni di ricerca continua e appassionata su un tema molto caro all’autore il cui interesse è nato sin dai primi anni di studio nella Facoltà di Missiologia della Pontificia Università Urbaniana.

Rivisitando il dibattito accademico occidentale sui temi della Riforma Protestante e della Riforma Cattolica, il primo capitolo delinea il processo di diffusione del Cattolicesimo in Europa e, in particolare, esamina i cambiamenti riguardanti l’attività pastorale nell’ “epoca delle grandi riforme”, allo scopo di comprendere le origini della Compagnia di Gesù e la formazione dei missionari gesuiti. Il secondo capitolo presenta e analizza la storiografia cinese sulla diffusione del Cattolicesimo in Cina e sulla presenza dei missionari occidentali nel contesto cinese. L’autore ritiene che il punto di vista e le valutazioni degli studiosi cinesi sulla Riforma Protestante e la Riforma Cattolica abbiano, direttamente o indirettamente, influenzato le ricerche condotte sulla presenza dei primi gesuiti giunti in Cina.

Il terzo capitolo, che costituisce la parte centrale della tesi, esplora l’opera pastorale dei primi missionari gesuiti durante le dinastie Ming e Qing nella storiografia cinese contemporanea. Concentrandosi su alcuni aspetti fondamentali quali la costituzione di confraternite di cristiani cinesi, la scelta e la formazione di operatori pastorali e missionari locali, la composizione e traduzione di testi cristiani, l’adattamento dei riti e della lingua alla cultura locale, l’autore sostiene che gli sforzi e talora i successi nell’opera pastorale di questi missionari sia la risultante della combinazione tra l’esperienza della vita religiosa e attività pastorale caratteristiche dell’Europa nei secoli XVI e XVII e la situazione sociale della Cina nell’epoca Ming e Qing. Attraverso la collaborazione dei missionari europei e dei cristiani cinesi si posero, così, sicure fondamenta alla presenza e al persistente sviluppo del Cristianesimo in Cina.

A partire dal materiale e dalle analisi presentate precedentemente, il capitolo finale propone alcune riflessioni critiche e prospettive di ricerca sulla storiografia cinese contemporanea riguardante i primi missionari gesuiti, sulla loro attività pastorale e sullo sviluppo del Cristianesimo in Cina. L’autore si augura che il suo studio possa contribuire non solo alla ricerca accademica sull’opera pastorale in terra cinese dei missionari gesuiti al tempo di Matteo Ricci ma anche al lavoro pastorale futuro della Chiesa Cattolica in Cina.

24 maggio 2010

044. Segnalazione libro di E. Menegon

Siamo lieti di segnalare il libro

Ancestors, virgins, and friars
Christianity as a local religion in Late Imperial China

di Eugenio Menegon
Boston University, USA


In the sixteenth century, European missionaries brought a foreign and global religion to China. Converts then transformed this new religion into a local one.

Focusing on the still-active Catholic communities of Fuan county in northeast Fujian, this project addresses three main questions. Why did people convert? Second, how did converts and missionaries transform a global and foreign religion into a local religion? Third, what does Christianity’s localization in Fuan tell us about the relationship between late imperial Chinese society and religion?

The study’s implications extend beyond the issue of Christianity in China to the wider fields of religious and social history and the early modern history of global intercultural relations. The book suggests that Christianity became part of a pre-existing pluralistic, local religious space. The author argues that we underestimate late imperial society’s tolerance for “heterodoxy.” The view from Fuan offers an original account of how a locality created its own religious culture in Ming-Qing China.

Pubblicato da: Harvard University Asia Center, 2009
 
Per ulteriori informazione si vedano i seguenti links:
 
1 maggio 2010

043. Segnalazione libro a cura di E. Corsi

Siamo lieti di segnalare il libro

Órdenes religiosas entre América y Asia
Ideas para una historia misionera de los espacios coloniales

a cura di Elisabetta Corsi
Università La Sapienza, Roma


Este libro aborda el estudio de las experiencias misioneras durante la primera edad moderna. Es esta una serie de ensayos cuyos autores, desde diversas perspectivas, intentan esclarecer la misión como lugar privilegiado de encuentro con el otro, de producción y transmisión del saber; espacio donde se tejen de manera compleja las relaciones entre centro y periferia.

Autori vari:
FRANCISCO MORALES; PIERRE-ANTOINE FABRE; PAULA FINDLEN; CLARA BARGELLINI; JOSÉ ANTONIO CERVERA JIMÉNEZ; ANDRÉS DEL CASTILLO; GUILLERMO ZERMEÑO; DAVID N. LORENZEN; ANTONELLA ROMANO

Pubblicato da: El Colegio de México, A.C.
Anno: 2008
Per acquisti di veda il link: Colmex

Il libro contiene alcuni articoli sulla Cina e può essere consultato in versione parziale su

1 maggio 2010

042. Buona Pasqua 2010


Il Centro di Studi Cinesi dell’Università Urbaniana
augura a tutti Voi



Buona Pasqua 復活節快樂 Happy Easter 复活节快乐

1 aprile 2010

041. Visita del Vice Ministro dell'Educazione di Taiwan



Il 15 marzo 2010, la nostra Università ha dato il benvenuto al Signor Lin Tsong-Ming, Vice Ministro dell’Educazione di Taiwan, accompagnato dal Signor Larry Yu-yuan Wang, Ambasciatore della Repubblica Cina (Taiwan) presso la S. Sede, e dalla Signora Sophie H. Y. Chou, la Direttrice dell’Ufficio per le Relazioni Culturali ed Educative del Ministero dell’Educazione di Taiwan.

Ad accoglierli erano presenti il Prof. Kanakappally, decano della Facoltà di Missiologia, il Prof. Dell’Orto, direttore del Centro Studi Cinesi, la Signora Emma Debono, segretaria del Rettore Magnifico e Zhao Hongtao, collaboratore del Centro Studi Cinesi. I graditi ospiti hanno anche visitato la Biblioteca, l’Archivio Storico e il Centro Studi Cinesi accompagnati dai rispettivi direttori.



16 marzo 2010

040. Foto e introduzione alla III Lectio Magistralis

.
Lunedì, 8 marzo 2010, si è svolta alla Pontificia Università Urbaniana la III Lectio Magistralis di Studi Cinesi alla quale hanno partecipato circa 350 persone. La Lectio ha avuto come titolo: “Matteo Ricci and the Chinese: spaces of encounter between the Self and the Other” per ricordare il IV centenario della morte di questo grande missionario avvenuta a Pechino nel 1610.

Mentre ringraziamo il Prof. Nicolas Standaert per averci onorato della sua presenza e per averci regalato una appassionata conferenza, desideriamo riproporre l’introduzione alla Lectio e la presentazione del relatore da parte del Prof. Alessandro Dell’Orto, direttore del Centro Studi Cinesi, e mostrare alcune foto dell’evento.

La Lectio Magistralis del Prof. Standaert sarà pubblicata su uno dei prossimi numeri della rivista dell’Università Urbaniana.



 
Dall’introduzione del Prof. Alessandro Dell’Orto:

 

É per me un piacere grande poter introdurre questa III Lectio Magistralis di Studi Cinesi, un evento annuale della nostra Università che è già giunto alla sua terza edizione. Ma è per me un piacere ancora più grande poter presentare il Prof. Nicolas Standaert, amico carissimo di vecchia data che, nonostante la sua giovane età, è uno degli studiosi internazionali più rinomati sugli scambi culturali tra la Cina e l’Europa dal diciassettesimo secolo in poi, specialmente sul modo in cui gli studiosi cinesi hanno ricevuto e hanno reagito alla cultura europea.
.
Nicolas, gesuita, è professore di Studi Cinesi all’Università Cattolica di Leuven in Belgio dove ha anche conseguito la laurea, il master e il dottorato in Studi Cinesi. Prima del dottorato, ha trascorso un periodo di specializzazione in Storia e Filosofia Cinese all’università di Fudan a Shanghai. Nicolas ha poi conseguito una laurea in Filosofia e Teologia al Centro Sèvres di Parigi e la licenza in Teologia all’Università Fujen di Taipei. Ha diretto vari progetti internazionali di ricerca ed è membro di innumerevoli comitati scientifici in tutto il mondo.
.
Nicolas è un relatore molto cercato negli ambienti accademici internazionali: ha infatti tenuto conferenze nelle più prestigiose università dell’Europa, della Cina e dell’America. È autore di una quindicina di libri tra i quali mi piace ricordare il suo studio sui funerali nello scambio culturale tra la Cina e l’Europa; ha curato circa dieci libri tra i quali segnalo il testo sulla confessione nel tardo periodo della dinastia Ming e nel primo periodo della dinastia Qing, insieme al Professore Dudink, e il volume primo del manuale sul Cristianesimo in Cina dal 635 al 1800. Testi che chiaramente sono presenti nella nostra biblioteca. Ha poi pubblicato più di 100 articoli in libri e riviste accademiche di tutto il mondo e insieme al professore Dudink ha creato una banca dati, accessibile via internet, delle fonti primarie e secondarie che riguardano i contatti culturali tra la Cina e l’Europa nei secoli 17mo e 18mo (1582-1840 circa), banca dati che abbiamo già annunciato l’anno scorso sul blog del nostro Centro Studi Cinesi.
.
Grazie, caro Nicolas, per aver accettato di essere con noi oggi, nonostante i tuoi tanti impegni. Siamo davvero onorati della tua presenza e felici di ascoltare la tua Lectio che quest’anno abbiamo voluto dedicare a Matteo Ricci nell’occasione del quarto centenario della sua morte, avvenuta a Pechino nel 1610.
.
Su Matteo Ricci è stato detto e scritto tutto quello che era possibile dire e scrivere, ma la Lectio di Nicolas svilupperà un tema molto originale e di grande rilevanza anche oggi. In quale modo la presenza dell’altro, in questo caso i Cinesi con la loro cultura e la loro società, hanno contribuito alla formazione di un uomo, di uno studioso e di un missionario quale Matteo Ricci? E fino a che punto questi si è lasciato guidare nello spazio dell’altro dal suo interlocutore cinese? Quali sono stati quegli spazi condivisi di incontro e di dialogo tra Matteo Ricci e i Cinesi che hanno concorso a far si che ancora oggi la loro storia venga raccontata nei più diversi contesti e nei più diversi modi?
.
Questi sono alcuni degli interrogativi a cui Nicolas cercherà di rispondere nella sua Lectio.
.
Ma permettetemi, a questo punto, di sfatare l’immagine di una Cina che spesso viene rappresentata come lontana, misteriosa, imperscrutabile. Chi tra di noi ha vissuto nel mondo cinese per un periodo abbastanza lungo da impararne la lingua, e a rispettarne gli usi e i costumi e, perché no, a riflettere sulle sue contraddizioni, si è reso certamente conto che la Cina non è poi così diversa da tante altre società e culture di questo nostro mondo. Forse, una delle caratteristiche principali è la sua forza di attrazione e la capacità di trasformazione che essa esercita su chiunque si avvicini a lei. Accettare questa forza di attrazione e capacità di trasformazione non vuole dire però diventare altro, ma piuttosto prendere coscienza delle proprie e altrui differenze e, allo stesso tempo, lasciare che i propri orizzonti si incrocino con quelli dell’altro, che i propri passi procedano insieme in quegli spazi condivisi di incontro creati nella reciprocità e nel rispetto. Lo spazio dell’altro, infatti, non è una minaccia ma una risorsa, è il luogo dove ognuno di noi può imparare cosa voglia dire essere veramente umani, un tema questo molto caro alla tradizione culturale cinese.
.
Il tanto acclamato “accomodamento” di Ricci, che lui stesso asserisce nella espressione “in tutto mi accomodai a loro”, è stato un processo lento, graduale, parziale, incompiuto, non privo di incomprensioni e diffidenze da ambo le parti. Rimangono tanti spazi inesplorati che solo un atteggiamento reciproco più sincero, più flessibile e più lungimirante tra il Cristianesimo e la Cina può far rifiorire e consolidare. Un processo di inculturazione del Vangelo che oggi più che mai deve essere un impegno fondamentale della stessa Chiesa cinese, andando oltre Ricci e oltre la situazione attuale. Mi auguro che insieme alle tantissime culture e società di questo nostro mondo, di cui voi studenti siete una cospicua e bella rappresentanza, la Cina e le sue tradizioni possano diventare, soprattutto oggi, uno spazio privilegiato attraverso il quale mettere in moto ‘una critica culturale e religiosa del noi’, interrogando le nostre stesse pratiche sociali, allargando le nostre visioni del mondo e, per coloro i quali sono impegnati nell’annuncio del Vangelo, analizzando e purificando i nostri modelli e pratiche missionarie.
.
Solo imparando a camminare a piedi scalzi e con passo leggero nel mondo dell’altro è possibile creare spazi condivisi di incontro e di dialogo con culture e religioni diverse dalle nostre. E quanto più il passo sarà leggero, tanto più l’impronta sarà profonda nel cuore di un’altra cultura. Questo atteggiamento è fondamentale sia per l’opera missionaria della Chiesa nel 21mo secolo sia per qualsiasi persona e istituzione, di ogni latitudine e visione del mondo, impegnata nel dialogo interreligioso e interculturale. E questo vale anche per la stessa grande Cina.
.
Matteo Ricci è entrato e si è lasciato condurre gradualmente nello spazio dell’altro. Come ciò sia capitato e i risvolti di questa straordinaria storia di incontro e di amicizia, non sarò io a raccontarvelo ma il prof. Nicolas Standaert nella sua Lectio Magistralis.


 
 






 





Il Rettore Magnifico dona al prof. Standaert la medaglia commemorativa della nostra Università.
E’ un piccolo segno di grande affetto e di profonda riconoscenza,
un tributo corale, di noi tutti e della comunità accademica internazionale,
al suo instancabile lavoro di ricerca sul dialogo culturale e religioso tra l’Europa e la Cina.



Desidero esprimere il mio più sincero e personale ringraziamento
a Nicolas che ci auguriamo di avere ancora con noi nel futuro
a tutti coloro che hanno partecipato a questo evento
e a coloro che, in vari modi, lo hanno reso possibile.
Un grazie sincero a tutti!
Alessandro Dell'Orto


12 marzo 2010

039. Invito Lectio Magistralis 2010


Pontificia Università Urbaniana
Facoltà di Missiologia
Centro Studi Cinesi
.
.
In occasione del IV centenario della morte di
Matteo Ricci
(1610-2010)
.
siamo lieti di invitarLa alla
.
.
III Lectio Magistralis di Studi Cinesi
.
.
dal titolo
.
.
Matteo Ricci and the Chinese
Spaces of Encounter between the Self and the Other
.
.
tenuta dal Chiarissimo Professore
.
Nicolas Standaert
Professore di Studi Cinesi
Università Cattolica di Leuven, Belgio
.
.
.
Lunedì 8 marzo 2010 ore 10.30
.
Aula Magna
Pontificia Università Urbaniana

.
.
Programma
.
Saluto
Prof. Cataldo Zuccaro
Rettore Magnifico
Pontificia Università Urbaniana
.
Introduzione
Prof. Alessandro Dell’Orto
Direttore del Centro Studi Cinesi
Pontificia Università Urbaniana
.
Lectio Magistralis
Prof. Nicolas Standaert
Professore di Studi Cinesi
Università Cattolica di Leuven, Belgio
.
Dibattito
.
Conclusioni
Prof. Benedict Kanakapally
Decano della Facoltà di Missiologia
Pontificia Università Urbaniana
.
.
La Lectio è in inglese con traduzione simultanea in italiano
.
.

.
.
Centro Studi Cinesi
tel. 06 69883173
.
Pontificia Università Urbaniana
Via Urbano VIII, 16 - 00165 Roma
tel. 06 69889611 - fax 06 69881871
10 febbraio 2010

038. Auguri Nuovo Anno Cinese 2010


Nuovo Capodanno Cinese
14 febbraio 2010

Anno della Tigre


@foto di Alessandro Dell'Orto


In occasione del Nuovo Anno
il Centro Studi Cinesi dell'Università Urbaniana
porge i più cari auguri a tutti gli amici cinesi

@foto di Alessandro Dell'Orto
6 febbraio 2010

037. Annuncio Lectio Magistralis 2010


Il Centro Studi Cinesi dell'Università Urbaniana
è lieto di annunciare che

lunedì 8 marzo 2010
alle ore 10.30

avrà luogo la

III LECTIO MAGISTRALIS
 DI STUDI CINESI

tenuta dal Chiarissimo Professore

Dr. Nicolas Standaert
Professore di Studi Cinesi
Università Cattolica di Leuven
Belgio


Tema e luogo della Lectio
saranno debitamente annunciati su questo blog

16 gennaio 2010